Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

19 Dic 2018

Forze armate: riscatto ai fini pensionistici In evidenza

Con la circolare INPS 18 dicembre 2018, n. 119 si forniscono le modalità applicative dell’articolo 5, comma 3, decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165, che prevede che i periodi di servizio comunque prestati dal personale delle Forze armate, Carabinieri compresi, possono essere riscattati ai fini pensionistici, con un onere parziale a carico dell’interessato e fino a un massimo di cinque anni.

Le istruzioni riguardano il personale in servizio attivo nel ruolo militare. Gli ex militari passati all’impiego civile, invece, non possono avvalersi del riscatto. Il superstite che ha diritto alla pensione può presentare la domanda di riscatto entro 90 giorni dal decesso del militare.

La circolare, inoltre, spiega cosa si intende con “periodi di servizio comunque prestato” e fornisce chiarimenti sulla modalità di presentazione della domanda di riscatto, del calcolo e del pagamento dell’onere.

Letto 160 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper