Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

01 Apr 2019

Visto infedele 730: imposte non più a carico dei professionisti. Cambia la norma In evidenza

Sospiro di sollievo dei commercialisti. La conversione in legge del DL 4/2019 su reddito di cittadinanza e pensioni ha infatti previsto l'introduzione dell'art. 7-bis che modifica il regime sanzionatorio a carico di professionisti e CAF nei casi di visto di conformità infedele sui modelli 730, di cui il Consiglio nazionale dei commercialisti CNDCEC "aveva denunciato la palese incostituzionalità, sin dalla sua approvazione nel 2015 in seguito all’introduzione della dichiarazione precompilata. Si tratta di un risultato importante, per il quale esprimiamo soddisfazione”.

In particolare, come si legge nel comunicato stampa del CNDCEC del 28 marzo 2019, accogliendo la proposta formulata sul punto dal Consiglio nazionale dei commercialisti, il nuovo art. 7-bis, introdotto in sede di conversione, sopprime l’obbligo da parte del professionista di pagare una somma pari alle imposte e agli interessi che il contribuente ha “risparmiato” per effetto dell’errore commesso nel rilascio del visto di conformità sul modello 730.

Resta invece dovuta unicamente la sanzione pari al 30% della maggiore imposta riscontrata, sempre che il visto infedele non sia stato indotto dalla condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente.

Viene confermato inoltre che la somma da pagare potrà essere ridotta tramite il ravvedimento operoso qualora il professionista, prima della formale contestazione

dell’infedeltà del visto da parte dell’Agenzia delle entrate, trasmetta a quest’ultima una comunicazione dei dati relativi alla rettifica della dichiarazione.

Si prevede infine che alle sanzioni in materia di visto di conformità infedele non si applica la maggiorazione di cui all’art. 7, comma 3, del D.Lgs. n. 472/1997, secondo cui la sanzione è aumentata fino alla metà nei confronti di chi, nei tre anni precedenti, sia incorso in altra violazione della stessa indole non definita attraverso gli ordinari istituti deflativi del contenzioso.

Letto 376 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper