Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

29 Nov 2018

Tutte le scadenze di fine mese In evidenza

Fine mese in arrivo. E con gli ultimi giorni di novembre arrivano anche le scadenze del fisco a cui i contribuenti interessati dovranno ricordarsi di aderire per versare le imposte dovute tra Iva, rottamazione e cedolare secca.

Nello specifico, ricorda lo scadenzario pubblicato da 'Fisco Oggi', rivista telematica dell'Agenzia delle Entrate, venerdì 30 bisognerà fare attenzione ai seguenti obblighi finanziari e pagamenti.

Redditi 2018 Persone fisiche - Versamenti: le persone fisiche non titolari di partita Iva (che hanno scelto il pagamento a rate con primo versamento entro il 2 luglio) devono versare la sesta rata delle imposte risultanti dal modello Redditi Pf 2018, con applicazione degli interessi nella misura dell'1,63%. L'adempimento riguarda anche chi è titolare di redditi da lavoro dipendente, pensioni o alcuni dei redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente che hanno presentato il 730 in assenza di un sostituto d'imposta tenuto al conguaglio. Si tratta invece della quinta rata per chi ha scelto di differire il pagamento di 30 giorni, applicando la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dell'1,10%.

Versamenti da dichiarazioni - Acconto 2018: i contribuenti tenuti a effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali di persone fisiche, società di persone ed enti a essi equiparati nonché dell'Irap (Modelli 730/2018, Redditi PF 2018, Redditi SP 2018 e Irap 2018) devono pagare la seconda o unica rata di acconto Irpef e Irap relativo al 2018. Il versamento va effettuato tramite F24 con modalità telematiche. I modelli con saldo finale pari a zero e quelli con utilizzo di crediti in compensazione orizzontale vanno presentati esclusivamente tramite i servizi 'F24 web' o 'F24 online' dell’Agenzia, attraverso i canali Fisconline o Entratel, oppure rivolgendosi a un intermediario abilitato. Nelle altre ipotesi sono utilizzabili anche i servizi di internet banking, le Poste, agenti della riscossione e prestatori di servizi di pagamento.

Letto 46 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper