Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

11 Mar 2019

Riscatto laurea agevolato under 45: precisazioni In evidenza

L'inps ha fornito alcune precisazioni sul riscatto agevolato della laurea nella circolare 36 2019 . Ricordiamo che il decreto legge su Reddito di cittadinanza e pensioni  ha previsto la possibilità di  riscattare gli anni di studio  per il conseguimento della laurea  per chi ha meno di 45 anni, versando una quota fissa di circa 5,200  euro  per ogni anno di studio.  L'agevolazione consente un risparmio di piu del 50% sul metodo di calcolo normalmente previsto per i lavoratori  occupati . La norma è stabile cioè non ha scadenza,   ma ha alcuni paletti per l'applicazione:

 è riservata a chi non ha ancora compiuto i 45 anni (nella conversione in legge si sta discutendo dell'innalzamento del limite o addirittura della sua eliminazione;

non sono agevolabili periodi  soggetti al metodo di calcolo pensionistico retributivo ma solo contributivo. Per i periodi a cavallo dei due sistemi si potrà agevolare solo la parte successiva al 1 gennaio 1996.

possono essere riscattati gli anni del corso di laurea e di dottorato di ricerca non coperto da contribuzione; se nello stesso periodo sono stati versati contributi obbligatori per motivi di lavoro il periodo non è riscattabile 

non è applicabile per la nuova pensione anticipata Quota 100.

Inoltre come per le altre forme di riscatto della laurea il massimo di annualità riscattabili è quello definito dal corso legale degli studi (ad es. 5 per giurisprudenza) e non quelli effettivamente utilizzati.

Il costo del riscatto agevolato è calcolato con le  stesse modalità  di quello destinato oggi solo agli inoccupati: moltiplicando l’aliquota  contributiva Ivs vigente (33%) per il reddito minimo soggetto a imposizione della Gestione Inps di artigiani e commercianti.

La circolare  ha precisato che:

-       l’importo retributivo di riferimento è rapportato al periodo oggetto di riscatto ed è attribuito temporalmente e proporzionalmente ai periodi medesimi. Il contributo è rivalutato secondo le regole del sistema contributivo, con riferimento alla data della domanda.

 

 -        se il riscatto del corso di studi è già definito con l’integrale pagamento dell’onere dovuto, non si può chiedere la rideterminazione dell’onere in base ad una modalità alternativa;

-        se è iniziato il pagamento rateale, si potrà interrompere lo stesso, ottenere l’accredito del periodo corrispondente alla quota versata del capitale come già determinato e presentare - per il periodo del corso di studi residuo - nuova domanda di riscatto il cui onere potrà essere determinato, a richiesta, con il criterio alternativo;

 

-        se il riscatto non si è ancora perfezionato con l’accettazione dell’onere si potrà ritirare la domanda in questione e proporne una successiva, con la consapevolezza che i criteri di calcolo dell’onere terranno conto della nuova data di presentazione della domanda.

 Le domande di riscatto del corso universitario di studi in forma agevolata possono  essere presentate  sul sito INPS secondo le modalità già in uso (utilizzando il PIN INPS o l'identità SPID o CNS).

Letto 199 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper