Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

04 Feb 2019

Bollo auto 2019, buone notizie: chi paga la metà e chi è esentato In evidenza

Ci sono novità sul bollo auto. La nuova Legge di Bilancio 2019 ha introdotto il dimezzamento del bollo auto per alcune categorie: in poche parole, chi possiede un'auto di età compresa tra i 20 e i 29 anni, secondo la normativa, avrà una riduzione del 50% sul bollo. Nello specifico, tutti i veicoli con più di 20 anni (e meno di 30) per cui è stato rilasciato il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica dai registri ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, pagheranno dal 2019 un bollo "a metà".

Precisiamo che il via libera al provvedimento è reso ancora in parte incerto essendo la tassa di proprietà un’imposta regionale per cui sono i singoli enti locali a decidere a riguardo. In ogni caso, e questo è certo, è che per ottenere il dimezzamento è inutile affrettarsi a produrre la documentazione. Vediamo insieme cosa bisogna fare per ottenere la riduzione del 50% sul bollo auto e moto. Prima di tutto è necessario avere il certificato di rilevanza storica. Quest'ultimo viene rilasciato da parte dei cinque registri ad oggi riconosciuti: ASI, Registro Storico Lancia, Registro Italiano FIAT, Registro Italiano Alfa Romeo, Registro Storico FMI. Questi enti richiedono una quota annuale di iscrizione ai club federati locali, mentre per le spese legate al rilascio del certificato bisogna poi sborsare una cifra che varia da club a club locale. Si tratta di 100-150 euro circa.

 

Bollo auto 2019: cosa fare per pagare la metà

Non solo. Per avere la riduzione del bollo, la storicità del veicolo deve essere annotata sulla carta di circolazione. Per ottenerla bisogna dunque presentare alla Motorizzazione civile domanda di aggiornamento della carta di circolazione allegando l'originale e la fotocopia del certificato di rilevanza storica e collezionistica o del certificato di iscrizione; fotocopia della carta di circolazione; attestazione del versamento di € 9,00 sul c/c 9001; attestazione del versamento di € 14,62 sul c/c 4028. Aggiornare da sé la carta di circolazione costa circa 25 euro, mentre se si opta per uno studio di consulenza automobilistica quest'ultimo applicherà il proprio specifico tariffario.

Letto 319 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper