Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante Cookie Policy

05 Dic 2018

Busta paga dicembre: chi ha diritto al conguaglio del bonus 80 euro In evidenza

Come funziona il conguaglio bonus Renzi in busta paga a dicembre? Chi lo riceverà? Con questa operazione in pratica il datore di lavoro o il professionista che per suo conto si occupa di gestire la contabilità, dovrà stabilire in concomitanza con il cedolino di dicembre qual è l’ammontare effettivo del bonus IRPEF e rapportarlo a quanto eventualmente anticipato nel corso dell’anno. Si intuisce dunque che il conguaglio del cosiddetto bonus Renzi è utile soprattutto per chi non ha uno stipendio fisso ma variabile durante l’anno (pensiamo ad esempio a chi lavora su commissione oppure a chi è stato assunto a metà anno). Si tratta quindi di stabilire se il bonus Renzi spettava e in quale misura.

A tal proposito ricordiamo infatti che il bonus è riconosciuto a coloro che percepiscono redditi di lavoro dipendente o redditi assimilati e che rientrano nelle seguenti categorie:

• Compensi ricevuti dai soci lavoratori di cooperative;

• Indennità e compensi a carico di terzi;

• Somme versate a titolo di borsa di studio o di assegno, compresi i compensi erogati a stagisti e tirocinanti;

• Importi corrisposti a collaboratori coordinati e continuativi;

• Remunerazioni di preti e ministri di culto;

• Capitali e rendite periodiche legate a fondi pensione.

Per quanto riguarda invece gli scaglioni di reddito dai quali dipende l’importo del bonus Renzi ricordiamo che:

• se il reddito complessivo 2018 è pari o inferiore a 24.600 euro, il bonus spetta pieno (960 annui);

• se il reddito totale 2018 è superiore ad euro 24.600 ma pari o inferiore ad euro 26.600 il credito di 960 euro dovrà essere rimodulato applicando la seguente formula [960 * (26.600 – reddito complessivo) / 2000];

• se il reddito 2018 è superiore a 26.600 euro il bonus non spetta.

In chiusura appare opportuno ricordare che qualora il bonus non venisse erogato agli aventi diritto, l’importo spettante non andrà perso anche qualora non si effettui il conguaglio a fine anno. Sarà infatti in ogni caso possibile recuperare il bonus Renzi non incassato in sede di dichiarazione 730 dell’anno successivo.

Fonte: www.investireoggi.it

Letto 96 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
JoomShaper